City of Angels (Video_30 Seconds to Mars – regia: Jared Leto)

Racchiudere Jared Leto in una sola parola è impossibile a causa del suo eclettismo divorante.

Da sempre, quello che mi comunica il modo in cui lavora è la presenza di un animo appassionato praticamente di ogni cosa lo circondi, curioso e attento ai dettagli fino allo sfinimento.

Attore, cantante, musicista, regista in costante evoluzione, si diverte a mettersi quotidianamente in contatto con il pubblico per sondarne gli umori, le emozioni e per condividere in tempo reale i vari lavori in campo musicale e non solo, chattando e facendosi ritrarre in tuta e ciabatte su una piattaforma virtuale come se fosse il vicino di casa.

(Nda. ad averne…)

Inizialmente nascosto sotto uno strano pseudonimo (Bartholomew Cubbins) inizia la sua produzione di videoclip nel 2006 proponendo al pubblico The Kill, un’eccellente prova registica, omaggio al celebre Shining di S. Kubrick, riuscendo nella non facile impresa di ricreare perfettamente l’atmosfera del film.

Con City of Angels uscito proprio oggi, Jared pubblica il video della canzone forse più intimista dell’ultimo album

Love, Lust, Faith and Dreams e si sofferma a omaggiare la sua città: Los Angeles.

Per amore di precisione è necessario sapere che per “sua” città non intendo la città natale, Jared è infatti nato in Louisiana per poi viaggiare in lungo e in largo per tutti gli Stati Uniti.

L.A. però rappresenta il luogo dove i suoi sogni sono diventati realtà anche grazie al fratello Shannon (batteria) a cui è legatissimo e al talentuoso Tomo Miličević (chitarra, tastiere, sintetizzatore).

Il tema della realizzazione dei sogni è molto presente sia nelle sue canzoni che nelle interviste che rilascia alle tv e ai giornali. City of Angels ha molte cose in comune con i precedenti Do or Die e Closer to The Edge.

In tutti e tre i casi viene dato spazio non solo alla canzone, ma soprattutto alla voce della gente.

Per Jared i videoclip non sono solo un’operazione di marketing per lanciare una canzone con abbinate delle immagini più o meno patinate, ma un’occasione per creare dei minifilm con cui emozionare veramente il pubblico.

In Closer to the Edge e Do or Die era evidente il desiderio di dare spazio al pubblico della band mostrandolo durante i concerti o raccontandolo grazie alle mini interviste.

In questo nuovo video, la musica diventa quasi colonna la sonora di un film e non è più la sola protagonista.

In primo piano ci sono questa volta i pensieri degli amici di Jared, artisti più o meno famosi, ma anche sconosciuti. L.A. è la città dei sogni e appartiere a tutti, sia a quelli come Juliette Lewis, ma anche a quelli che non sono riusciti a diventarlo, riuscendo comunque a ritagliarsi il loro piccolo spazio.

Inquadrature ad ampio respiro e riprese dall’alto sono ormai un marchio di fabbrica di Jared e ci accompagnano con lui nella passeggiata lungo gli ampi viali che era solito percorrere quando, ancora adolescente, covava dentro di sé la voglia di emergere.

The silver of the lake at night. 

The hills of Hollywood on fire. 

A boulevard of hope and dreams. 

And streets made of desire. 

Los Angeles rappresenta un luogo completamente magico e folle, adatto per le anime perse ma anche per chi non ha nulla da perdere, per chi nonostante tutto continua a provarci dopo essere caduto, per chi non ha mai paura di mettersi in gioco.

Mi sono chiesta quale è stato il criterio di scelta dei personaggi ripresi, forse quello di rappresentare un pò la gamma completa di personaggi che potremmo incontrare laggiù. C’è la già citata Juliette Lewis e Kanye West simboli di un successo ormai consolidato, ma c’è anche la giovane Selena Gomez che rappresenta il successo che forse arriverà, poi compare a sorpresa un dimagrito e un pò sofferto Corey Feldman, diventato famoso con il film culto “Goonies”, e una stranamente dimessa Lindsay Lohan.

Anche in questo video come nei precendenti abbiamo molte riprese delle silouette della band con lo sfondo luminoso del cielo, elemento che crea un’atmosfera celebrativa e di grande impatto.

Inoltre, per la prima volta compaiono le foto intime e private della famiglia Leto, compresa la splendida madre di Jared e Shannon.

Questo video però lascia anche un gran senso di solitudine e struggimento, forse perché ogni personaggio alla fine è solo e si aggira in una città enorme, forse troppo grande e esageratamente sfarfallante di luci.

L.A. non è però un mondo perfetto, per il sosia di Superman e James Franco infatti può essere terra di progetti possibili o di sogni spezzati, ma almeno è una città che ti offre la possibilità di ricrearti una vita dopo essere scampato ad una fuga su un barcone, come racconta il sosia di Michael Jackson.

Il desiderio di essere disperatamente qualcuno è da sempre il fulcro del pensiero americano, che se per certi aspetti può essere uno stimolo ad andare avanti e ad osare, per altri aspetti può diventare una corsa inutile verso un successo che non arriverà mai.

Vivere nella città delle star può dare l’illusione di essere un pò star anche tu.

Ma quando ti accorgerai di non essere una celebrità come loro o quando il successo ti avrà abbandonato, L.A. sarà ancora lì ad illuminare la tua strada o forse dovrai cambiare direzione e cercare un altrove dove sentirti a casa?

I found myself in the fire burnt hills. 

In the land of a billion lights. 

I’m home, home, home.

 Il link al video:

 http://www.youtube.com/watch?v=Ntlt2tKi4do&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3DNtlt2tKi4do&app=desktop

Jared, Shannon, Tomo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...