Buon Natale a tutti i miei amici di Facebook, uno per uno.

Buon Natale a chi quest’anno ha messo al mondo una persona in più da amare, a quelli che da un po’ di tempo la volevano e a quelli che “è capitato ed è stato il miglior colpo di fortuna della mia vita”, a chi ha perso il lavoro, ha accusato il colpo e poi se ne è reinventato subito un altro, a chi ha avuto il coraggio di lasciarsi indietro legami che non avevano più senso, a chi è partito o sta partendo dall’Italia e ha messo in valigia ben stipati tutti i sogni nel cassetto o almeno quelli che gli sono rimasti, a chi ha mollato il cemento di Milano ed è tornato nella sua terra per riscoprirne i profumi, a chi a Milano ci resta perché non potrebbe vivere altrove, a chi guarda le vetrine dei negozi e si promette che prima o poi potrà permetterselo, a chi nonostante tutto nella politica ci crede ancora e ne vuole fare parte, ma per i motivi giusti.

Buon Natale anche a chi ha perso per sempre qualcuno ma che il 25 dicembre sentirà di averlo accanto, a chi si libra in aria col paracadute per sentirsi ancora più libero sulla terra ferma, a chi non smette mai di viaggiare, a chi si sente vivo solo arrampicandosi sulle montagne o macinando chilometri in corsa, a chi ha paura e non si vergogna di ammetterlo, a chi fa le linguacce in fotografia perché si sente in imbarazzo e teme di venire male, a chi si rotola col proprio cane sul tappeto, a chi permette al proprio gatto di camminare pigramente sulla tastiera del computer, a chi aiuta alle mense dei poveri o organizza rock band per finanziare costruzioni di pozzi in Africa e ci riesce, a chi passerà le feste in reparto per prendersi cura di persone malate e a chi trascorre le sue giornate in laboratorio per far sì che di persone malate ce ne siano sempre meno, a chi non riesce a stare zitto e deve sempre dire la verità, anche col rischio di passare per rompicoglioni.

Buon Natale a chi cerca ancora Quello Giusto o Quella Giusta e spera che dopo la prima notte la magia non svanisca come neve al sole, a chi a 15 anni in cameretta sognava di diventare una rock star e sui palchi veri ora ce la sta facendo, a chi si è tinto i capelli di blu e fa sgranare gli occhi dei bambini per la strada, e chi ha sempre sete di inchiostro sulla pelle e a chi a imparato a creare capolavori su quella pelle, a chi crede in Dio ma in Chiesa si sente fuori luogo, ma anche a chi non crede in Dio però d’ogni tanto prega di nascosto, a chi si è messo a lavorare la terra come si faceva una volta e ne va fiero, a chi si spende ogni giorno per arginare le frane nei paesi dell’Appennino in una nazione al collasso.

Buon Natale a chi quest’anno si è rimesso a studiare, ma anche a chi ha finalmente tagliato il traguardo per iniziare il mestiere dei suoi sogni, a chi ogni notte va a lavorare e trova anche il tempo per studiare di giorno, a chi è innamorato di qualcuno e non ha il coraggio di farsi avanti, a chi ha smesso di amare e non trova le parole per dirlo…

ma soprattutto Buon Natale a chi crede da sempre che l’anno migliore non sia ancora arrivato, perché nascosto tra quelli che non ha ancora vissuto.

C.

Immagine Ph. David LaChapelle

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...