Il buon cuore degli italiani

1

Gli Italiani Medi di Buon Cuore a quanto pare ieri sera, grazie ad un servizio di Report sull’azienda Moncler, hanno fatto una scoperta sconvolgente: i piumini dell’azienda – diventati celebri sul mercato dagli anni 80 – vengono realizzati con le piume, queste piume vengono tolte alle oche in modo barbaro e le suddette oche da un po’ di tempo non sono molto d’accordo.

Lo sdegno oggi è esploso nel paese. Domani si prevede di svelare agli ingenui Italiani Medi di Buon Cuore che il prosciutto e la salamella vengono fatti con la carne di maiale e non vengono – come è opinione comune – raccolti nei campi all’ora del vespro, ma soprattutto che il maiale deve essere prima ucciso con un doloroso colpo alla testa. Nel weekend, invece, si spiegherà come le cinture di pelle e le scarpe di pelle e – strano a dirsi – le borse di pelle derivino niente di meno che da PELLE DI ANIMALE MORTO. Si prevedere un autunno fittissimo di impegni per l’Italiano Medio di Buon Cuore che dovrà barcamenarsi tra mille bacheche online per manifestare la sua furibonda indignazione.

Vuoi anche tu diventare un Italiano Medio di Buon Cuore e trascorrere il tuo inverno e la primavera prossima, lanciando strali indignati contro tutto e tutti, sentendoti straordinariamente superiore?

Segui questi semplici passaggi e otterrai anche tu una valanga di Mi Piace sulle varie bacheche di Facebook!

Per diventare un vero IMdBC di un certo successo bisogna prima di tutto manifestare il proprio disappunto, fingendo totale inconsapevolezza sull’argomento centrale del tema trattato. Esempio: “Pazzesco! Macellano il povero bue da anni per cucinare la coda alla vaccinara! Assassini!”

Il secondo step è dichiarare pubblicamente che non si comprerà mai più il prodotto dell’azienda al centro del dibattito.

Esempio: “Sono sconvolta! Ho appena saputo che nei piumini X mettono piume d’oca che strappano alle oche! Non comprerò più piumini da quei manigoldi dell’azienda X!”

Il terzo passaggio, non obbligatorio, ma che rafforza l’immagine di persona pia ma soprattutto con un cuore grande così è augurare le peggiori disgrazie al direttore dell’azienda, a tutta la sua famiglia e ai suoi discendenti fino alla settima generazione.

Per fare tutto questo è necessario usufruire di un computer, ma non ha importanza di quale marca lo compri, tanto in ogni caso molto probabilmente verrà smaltito in qualche discarica fuori dai confini del tuo paese e diventerà merce di scambio per qualche bambino africano in Ghana.

Ma tu non preoccuparti, ancora questa cosa non la sai e per oggi indignarti su questo argomento non serve a nulla.

(in foto: opera di Maria Rubinke)

Annunci

3 pensieri su “Il buon cuore degli italiani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...